Home Servizio Duo lesbico de la mia casa sempre riservata

Heather Parisi: Pio e Amedeo in America non lavorerebbero più

Duo lesbico 223572

Chiara Sfregola: La gioia di essere lesbica Chiara Sfregola: La gioia di essere lesbica Monica Bogliardi — 30 Giugno Chiara Sfregola ama le donne e racconta il suo mondo, con grande ironia, nel suo primo romanzo, Camera single. Ci sono Donna e Dina che cercano un amico che permetta loro di diventare madri. Tutte vivono sui social, postano il pastomesto quando al lavoro mangiano solo un panino, cercano ragazze on line e alle feste, fanno sesso sulla spiaggia di Ostia e nei bagni dei treni regionali. Vanno tanto al cinema e tirano tardi nel quartiere romano del Pigneto, molto bohémiendove spopola Michele, amico etero della protagonista Linda. Lelle sono le lesbiche protagoniste del romanzo Camera single Leggere editorenato da una rubrica settimanale comparsa nel sul sito lezpop. È il primo romanzo della 29enne Chiara Sfregola, editor di una casa di produzione cinematografica. Grazia ha letto il libro in anteprima e ha intervistato Sfregola in esclusiva. Ma Linda è migliore di me, io sono più cinica. Comunque, il libro vuole offrire un gran campionario di modelli di donne.

Una bella foto la ritraeva in affettazione mentre indossava un attillato abitino buio e poi la frase che è costata la condanna: «Avrei il ambizione di passare una notte nel compreso di una donna». Uno scherzo di dubbio gusto? Una ripicca fra coetanee? Sta di fatto che L. Il primo a scoprire il falso bordo era stato proprio il fratello della ragazza, il 19 marzo dello passato anno.

Volley Sochi atleti russi accolti da una canzone lesbo Sotto gli occhi di Putin la delegazione di casa sfila sulle note di un provocatorio brandello del duo femminile Tatù Pubblicato il 07 Febbraio Ultima modifica 11 Luglio Un curioso e inatteso fuori elenco ha animato la cerimonia di breccia delle Olimpiadi invernali di Sochi Durante la sfilata degli atleti russi padroni di casa, sotto gli occhi di un Vladimir Putin in piedi in tribuna e visibilmente emozionato, sono riecheggiate in tutto lo stadio Olimpico della città russa le note di una canzone del duo femminile Tatù, un gruppo che l'immaginario collettivo russo associa a una coppia lesbica. Le cantanti dirette interessate hanno più volte smentito di avere una relazione, ma la voce è stata alimentata in Russia da una serie di video e altri canzoni sul tema. Il articolo si intitola 'Nas ne dogoniat', in italiano 'Non ci raggiungeranno', e racconta la storia di una coppia lesbo che vuole fuggire di casa per stare insieme infischiandosene di quello affinché la società pensa di loro. Una scelta per lo meno curiosa, considerate le polemiche che hanno accompagnato la vigilia dei Giochi invernali in paura di diritti degli omosessuali. È un quotidiano liberale e moderato come lo sono io.