Home Ragazze Una donna per fare sesso passare un dore

Dolore durante il rapporto sessuale: cause e rimedi

Una donna 496441

All'origine di questo disturbo, possono esserci cause molto diverse tra loro: dalla presenza di un'infezione o di una patologia più seria sino a fattori di tipo emotivo o psicologico come l'ansia, una crisi di coppia o la difficoltà a rilassarsi durante il rapporto sessuale. In ogni caso, quando il disturbo persiste è bene sottoporsi tempestivamente a un controllo dal medico specialista, per poter individuare la causa del dolore e intervenire con efficacia. Per individuare la presenza di infezioni a carico dell'apparato genitale, è necessario sottoporsi agli specifici test diagnostici prescritti dal medico specialista, nonché a visita ginecologica. Non solo candida o chlamydia: a monte del dolore durante il rapporto sessuale, potrebbero esserci altre cause come, per esempio, vaginismo o una vaginite trascurata infiammazione che provoca dolore anche intenso. Tra le cause possibili, troviamo infatti anche la presenza di: allergie, cervicite, coccigodinia, endometriosiepididimite, gonorrea, malattie infiammatorie pelviche, malattia di La Peyronie, Sindrome di Sjögren, polipi uterini o tumori fonte Humanitas. Per porre rimedio al dolore durante il rapporto sessuale, quindi, è cruciale circoscrivere la causa scatenante e iniziare un'adeguata terapia farmacologica e non. Quest'ultima, a sua volta, è provocata da diversi fattori, del tutto soggettivi e da indagare per poi risolvere i nodi attraverso un percorso di psicoterapia o con l'aiuto di un sessuologo. Saperne di più per una sessualità più serena Salute.

Ne parliamo con Monica Vitali, ostetrica esperta in riabilitazione del pavimento pelvico e consulente sessuale Spesso si verifica durante i tentativi di penetrazione oppure a penetrazione vaginale profonda. Anche perché, se si ritarda la diagnosi, il fitta tende a cronicizzare, prolungando i tempi di guarigione. Le cause fisiche La maggiore incidenza di dispareunia si riscontra soprattutto in particolari epoche della attivitа di una donna, ad esempio: Nel post parto. Leggi anche: Sesso dopo il parto Dopo la menopausa. Oppure anche ad una mastectomia che apertura a menopausa chirurgica: la dispareunia in tal caso è una conseguenza delle modificazioni ormonali, che causano secchezza vaginale, scarsa lubrificazione e calo della eros. E' da sottolineare come in attuale disturbo rivesta più che mai influenza la fase di consultazione con lo specialista, che aiuti a comprendere il valore di segnale che il avvisaglia sessuale rappresenta e cerchi il cammino terapeutico più idoneo al singolo accidente. Le possibili terapie Se le cause sono fisiche, il primo passo è intervire sulle cause stesse, cercando di risolvere il problema alla radice. Da qualche anno è possibile effettuare trattamenti endocavitari vaginali o rettali utilizzando radiofrequenza, che produce calore endogeno che stimola la produzione di collagene, ed elettroporazione che, soprattutto in caso di ariditа vaginale e carenza di ormoni estrogeni, veicola direttamente nella matrice cellulare sostanze che nutrono le mucose e i tessuti.

Condivisioni 0 Quando fare sesso fa male: cause e rimedi Il sesso amaro nelle donne, al contrario di quanto si possa pensare, è molto abituale. Come si legge, infatti, sul collocato di ACOG , sono quasi 3 su 4 le donne che, durante un rapporto sessuale, hanno provato oppure continuano a provare sensazioni di fitta. Per alcune si tratta di una sofferenza temporanea. Per altre, invece, è un problema a lungo termine.

Dolori alle ovaie dopo un rapporto, perché? Tutte le possibili spiegazioni alle domande sul perché fanno male le ovaie dopo un rapporto sessuale o in altri momenti. In questo ambito vi sono diversi organi che possono illuminare dolore se infiammati o attivati dalla stimolazione meccanica del rapporto ed è complicato distinguere da quale di essi provenga il dolore se non in seguito ad esami specifici. Proviamo a passare in rassegna le cause di dolore pelvico che evocano un fitta ovarico. Anche in questo caso esistono terapie e strategie preventive per eludere questo fastidioso disagio, ed è apprezzabile parlarne senza titubanza con il adatto medico per evitare recidive e situazioni che si possono cronicizzare. In realtà queste prime situazioni sono abbastanza riconoscibili e dovrebbero dare sintomi localizzati e facilmente riconducibili agli organi coinvolti. A volte il giusto grado di desolazione reciproco, di rilassamento fisico e affidabilitа emotivo risolvono situazioni di disagio e dolore che si ritenevano puramente organiche.