Home Ragazze Donna in tacchi a spillo molto sensibile tra le gambee

Tacchi: tra storia e comodità

Donna in tacchi 119431

Quante scarpe con i tacchi hai nel tuo armadio? Quante di queste scarpe riesci davvero a portare ogni giorno? Le donne belle, vincenti, sensuali, arrivate che compaiono nei film e nelle pubblicità sfoggiano sempre tacchi alti su cui svettare. Te lo confesso: da quando abito a Venezia e ho cambiato vita qui la mia storia uso i tacchi molto meno ma se devo tenere un corso o presenziare ad un evento li metto sempre. Sono minuta, non dimostro i miei quasi 39 e nel far guadagnare centimetri al mio metro e sessantatré mi sembra anche di guadagnare in rispetto e credibilità. Cosa ci racconta in proposito la Storia della Moda? I tacchi nel Settecento erano presenti sia sulle scarpe delle donne che su quelle degli uomini.

Alcuni Consiglio Introduzione L'uso quotidiano di tacchi altisoprattutto se superano i 7 centimetri, altera inevitabilmente la postura con conseguenze possono essere di varia entità. Patologie come l' alluce valgol'iperestensione delle ginocchia e la relativa iperlordosi lombarese non risolte tempestivamente, possono evolvere in veri e propri dimorfismi a carico delle strutture muscolo-scheletriche delle ginocchia e del tratto finale del rachide vertebrale. Per rispondere, occorre fare una breve digressione sulla struttura e sulla funzionalità della complessa ed importante articolazione del artiglio. Piede: Struttura e Funzionalità Il artiglio è una struttura estremamente complessa formata da: Cavigliache lo collega alla gamba; Tallone, cioè la parte posteriore retropiede ; Metatarsola parte centrale mesopiede ; Dita avampiede. Nel piede, esistono approssimativamente 28 ossa, numerosi muscoli, articolazioni, nervi e vasi sanguigni. Per quanto riguarda la componente ossea, è possibile differenziare, per convenzione, tre gruppi: Tarsocomprendente le ossa brevi della caviglia e del tallone; Metatarso, parte intermedia del artiglio, formata da cinque ossa metatarsali; Falangi delle dita. Il piede è affermato il più importante organo di ispezione antigravitario: rappresenta, infatti, il sistema tonico-posturale che permette al corpo umano di assumere la postura eretta e di mantenere l'equilibrio nelle varie posizioni assunte nello spazio, sia dal punto di vista dinamico, che statico. Oltre ad essere la base d'appoggio del massa, il piede funge sia da: Effettore del movimento, in seguito ad un ordine proveniente dal sistema nervoso centrato ; Recettore di tutti i più svariati stimoli provenienti dall'ambiente in cui esso si muove il suolo, ad esempioche vengono recepiti sia dagli esterocettori cutanei, sia dai propriocettori muscolari e tendinei.