Home Panoramica Foto con viso mie cerca giovani alunne

Bambini privacy e foto online: cosa dice la legge?

Foto con viso 481638

Veronica ha iniziato a utilizzare i filtri per modificare le immagini di se stessa sui social media quando aveva 14 anni. Ricorda che tutti nella sua scuola media erano entusiasti della tecnologia quando è diventata disponibile e si sono divertiti a giocarci. Ma sua sorella minore, Sophia, che all'epoca frequentava la quinta elementare, non è sulla stessa linea. Quando i filtri personalizzati in realtà aumentata sono apparsi per la prima volta sui social media, erano un espediente che ha permesso agli utenti di giocare a una sorta di travestimento virtuale: cambiare la faccia per sembrare un animale o farsi crescere improvvisamente i baffi, per esempio.

Chi non ha mai pubblicato, nemmeno una volta, una foto dei propri figli o nipoti? Spesso leggiamo articoli sulla pericolosità di questa ormai consuetudinaria e voyeristica pratica. Naturalmente, bisogna distinguere se le foto sono private o vengono pubblicate da testate giornalistiche o online. I diritti dei minori sono, ancora, garantiti dalla legislazione ordinaria civile e penale. Specifiche norme sono previste dalla legge sul diritto di autore l. Ogni bambino, quindi, ha diritto ad essere tutelato dalla legge contro tali interferenze o pratiche lesive.